Archivio Categoria: Eventi

Tignanello in verticale

tignanelloImportante incontro di degustazione organizzato dalla Delegazione Fisar L’Aquila-Avezzano. 5 annate di Tignanello.

“Il Tignanello è prodotto esclusivamente dall’omonimo vigneto che si trova su un terreno di 57 ettari esposto a sud-ovest, di origine calcarea con elementi tufacei, ad un’altezza tra i 350 e i 400 metri s.l.m. presso la Tenuta di Tignanello. E’ stato il primo Sangiovese ad essere affinato in barrique, il primo vino rosso moderno assemblato con varietà non tradizionali, quali il Cabernet, e tra i primi vini rossi nel Chianti a non usare uve bianche. Tignanello, in origine “Chianti Classico Riserva vigneto Tignanello” è stato vinificato per la prima volta da un unico vigneto con l’annata 1970, quando conteneva il 20% di Canaiolo e il 5% di Trebbiano e Malvasia, ed era affinato in piccole botti di rovere. Con l’annata 1971 è diventato vino da tavola di Toscana ed è stato chiamato Tignanello e con l’annata 1975 le uve bianche sono state totalmente eliminate. Dal 1982 la composizione è rimasta la stessa di quella attuale. Tignanello viene prodotto soltanto nelle annate migliori; non è stato prodotto nel 1972, 1973,1974, 1976, 1984, 1992 e 2002.”

VINO E QUALITA’… è anche questione di tappo.

“VINO E QUALITA’… è anche questione di tappo”.
L’iniziativa realizzata dalla Fisar – Delegazione dell’Aquila in collaborazione con la Cantina del Fucino che aprirà le porte ai professionisti del settore in data 2 Marzo alle ore 19. Sarà un’occasione di incontro, conoscenza e degustazione dedicata al vino con particolare risalto alle soluzioni di chiusura innovative proposte dalla NOMACORC, azienda leader mondiale di produzione di tappi realizzati con materie prime sostenibili e rinnovabili a base vegetale.
Ad una prima parte formativa, con interventi tecnici a cura delle enologhe NOMACORC, la Dott.ssa Elsa Martelli e la Dott.ssa Ada Ciarla verranno affrontati i temi legati alla gestione dell’ossigeno in bottiglia e alla sostenibilità che guida le prospettive di sviluppo di questo settore, seguirà una degustazione guidata, correlata di schede, in cui i partecipanti potranno testare campioni di vino chiusi con diversi tappi e capire come il processo di ossigenazione in bottiglia sia influenzato dalla chiusura utilizzata.
Poi ampio spazio per scambio di pensieri e brindisi collettivo.

 

Tappi 2 marzo

I Signori del Vino

15871681_1176333365807826_3561450146548257697_nImportante incontro culturale ad Arsoli alla presentazione del libro di Marcello Masi e Rocco Tolfa, Signori del Vino, edizioni RaiEri. Il libro dell’ex direttore e vice del TG2 Masi e Tolfa è il risutato di un fortunato ciclo di trasmissioni sul vino italiano. Un percorso enologico fatto raccontando la storia di alcune cantine imporanti delle varie regioni italiane. La presentazione del libro, organizzato da Mario (Baffo) nel centro anziani di Arsoli, ha visto la presenza di molte persone ed anche della Fisar L’Aquila che ha fatto degustare alcuni importanti vini italiani. I due autori hanno affermato all’unisono che: “I Signori del vino comandano solo sulle loro vigne e sulle loro cantine, ma hanno un potere straordinario: quello di difofndere cultura, benessere e sviluppo, e di fare crescere l’Italia, non solo in termini economici. Perchè il vino è storia, cultura immagine internazionale”. I due giornalisti hanno girato l’Italia e sono andati a caccia : ” delle grandi storie che si nascondono dentro le migliori cantine italiane, per carpire in ognuna una scintilla originale e colta, una scoperta un racconto inaspettato. E’ così che una immensa ricchezza immateriale, fatta di competenze e tradizioni, diventa risorsa tangibile e preziosa per la collettività. Un racconto pieno di colori, profumi, persone, un viaggio italiano per chi voglia capire meglio l’incredibile mondo del vino, le figure che lo popolano, le emozioni che suscita”.

FISAR Delegazione L’Aquila

226138587527804La Fisar L’Aquila è una delegazione giovane ma si è già imposta nella regione Abruzzo come una realtà attiva e funzionante. I dati sono li a supportare questo ragionamento.

La delegazione nasce ufficialmente il primo giugno 2012 con la nomina a commissario di Marcello Carrabino eletto e rieletto fino ad oggi delegato. La delegazione nasce con un nucleo storico formato da Marcello Carrabino, Giuseppe Caudai, Marco D’Alessandro, Germano Febo, Ludovica Caudai, unito nell’intento di far sviluppare la cultura del sommelier nella provincia di L’Aquila e nella regione Abruzzo.

In questi anni sono stati organizzati già sei corsi dove si sono diplomati 44 sommelier. Alcuni sono ancora in corso come quello di Avezzano e di Vacri in provincia di Chieti. E’ in partenza un corso in provincia di Teramo ed è stata lanciata la promozione per un ulteriore corso da organizzare ad Avezzano.

I soci FISAR attualmente sono cento, in alcuni momenti la delegazione ha avuto anche 187 soci.

E’ stato stipulato un protocollo di intesa con la delegazione Borghi Autentici d’Italia sezione Abruzzo per organizzare e divulgare la cultura del vino nella rete BAI.

E’ stato organizzato un mini corso di avvicinamento al vino per gli studenti dell’Istituto Alberghiero di Cave in Provincia di Roma. Collaborazione che potrebbe continuare anche nel corso dell’attuale anno scolastico.

Per la crescita professionale dei soci sono stati organizzati vari incontri di approfondimento e degustazione come: grandi vini rossi, grandi vini bianchi, spumanti, vini passiti, ecc. e si sono organizzati vari incontri per approfondire il rapporto cibo-vino in vari locali del territorio.

La Delegazione ha partecipato o organizzato anche presenze professionali nelle varie manifestazioni e sagre della zona come: La vie delle cantine di Rocca di Botte, Carsoli, Ovindoli, Pietrasecca, Celano, Santa Jona, Roccavivi, Slow food L’Aquila, Rosciolo, Arsoli, Scurcola Marsicana, Avezzano, Pescina, ecc.

Partecipazione alla manifestazione “Tirreno CT” dove la delegazione dell’Aquila ha presentato i vini abruzzesi. Ha partecipato anche nella giuria per la selezione mondiale del pizzaiolo senza fontiere, con una sommelier nella valutazione dell’abbinamento vino-pizza.

Organizzazione di incontri culturali ad Avezzano su cinema e vino.

Partecipazione a incontri sociali sul bere bene con associazioni locali.

Raccolta di fondi per il terremoto di Amatrice, per l’associazione “Il Girasole” e all’associazione “Edoardo Marcangeli” impegnata per la ricerca sul cancro.

Partecipazione ad iniziative del Gambero Rosso a Roma.

Molte altre sono state le iniziative a cui ha partecipato la delegazione Fisar dell’Aquila.

Oggi la delegazione sta lavorando per potenziare la struttura, per avere un valido e proficuo rapporto con i soci, per superare alcune criticità (una per tutte la necessità di coprire un territorio, quello regionale, troppo vasto).

Attualmente il Consiglio di Delegazione è così formato:

Delegato: Marcello Carrabino

Segretario: Giuseppe Caudai

Tesoriere: Germano Febo

Responsabile dei Servizi: Marco D’Alessandro

Consigliere: Mariapaola Di Cato

Consigliere:: Giancarlo Lo Re

Consigliere: Angela Palombo

Consigliere: Dante Spezialetti

 

Tre bicchieri, terremoto e solidarietà

img_1498Il n^ 44 del settimanale economico del Gambero Rosso “trebicchieri” si occupa ampiamente di vino e terremoto. Nell’articolo di fondo Gianluca Atzoni pone l’accento sul terribile botto di fine ottobre “il vino è salvo ma nelle cantine si contano i danni”. Sono circa 170 le cantine coinvolte e il racconto del titolare della cantina Belisario sintetizza il dramma: “durante il terremoto la struttura ha tenuto ma in cantina i piedi dei serbatoi in acciaio, contenenti il verdicchio in fase di affinamento, sono stati sbalzati in aria e ricadendo si sono piegati. Ma non abbiamo subito perdite di prodotto, che è stato travasato…”. La rivista più avanti si occupa del terremoto di Amatrice e dell’importante lavoro di solidarietà organizzato dalla FISAR l’Aquila. L’articolista Andrea Gabbrielli ha raccontato come la nostra delegazione si è attivata per mettere a disposine delle zone terremotate l’impegno sul vino. Va ricordato che l’iniziativa è stata possibile per la dedidizione dei soci fisar l’Aquila, ma in particolare da Giancarlo Lo Re, che ha creduto più di tutti al percorso della solidarietá, ricercando cantine e vini (e non solo), che sono arrivati da tutta Italia, nonostante la quantità più importante è arrivata dall’Abruzzo. Il vino poi è stato venduto in varie iniziative svoltesi ad Avezzano con l’aiuto anche dei soci: Germano Febo, Mariaceleste Di Pangrazio, Aurelia Della Rocca. Una bella iniziativa per cui tutti i soci Fisar devono andare orgogliosi.

Un nuovo corso per sommelier

logofisartricolore-1024x543-bbbb

Il vino è uno dei maggiori segni di civiltà nel mondo – Ernest Hemingway