Archivio Categoria: Articoli

Tignanello in verticale

tignanelloImportante incontro di degustazione organizzato dalla Delegazione Fisar L’Aquila-Avezzano. 5 annate di Tignanello.

“Il Tignanello è prodotto esclusivamente dall’omonimo vigneto che si trova su un terreno di 57 ettari esposto a sud-ovest, di origine calcarea con elementi tufacei, ad un’altezza tra i 350 e i 400 metri s.l.m. presso la Tenuta di Tignanello. E’ stato il primo Sangiovese ad essere affinato in barrique, il primo vino rosso moderno assemblato con varietà non tradizionali, quali il Cabernet, e tra i primi vini rossi nel Chianti a non usare uve bianche. Tignanello, in origine “Chianti Classico Riserva vigneto Tignanello” è stato vinificato per la prima volta da un unico vigneto con l’annata 1970, quando conteneva il 20% di Canaiolo e il 5% di Trebbiano e Malvasia, ed era affinato in piccole botti di rovere. Con l’annata 1971 è diventato vino da tavola di Toscana ed è stato chiamato Tignanello e con l’annata 1975 le uve bianche sono state totalmente eliminate. Dal 1982 la composizione è rimasta la stessa di quella attuale. Tignanello viene prodotto soltanto nelle annate migliori; non è stato prodotto nel 1972, 1973,1974, 1976, 1984, 1992 e 2002.”

VINO E QUALITA’… è anche questione di tappo.

“VINO E QUALITA’… è anche questione di tappo”.
L’iniziativa realizzata dalla Fisar – Delegazione dell’Aquila in collaborazione con la Cantina del Fucino che aprirà le porte ai professionisti del settore in data 2 Marzo alle ore 19. Sarà un’occasione di incontro, conoscenza e degustazione dedicata al vino con particolare risalto alle soluzioni di chiusura innovative proposte dalla NOMACORC, azienda leader mondiale di produzione di tappi realizzati con materie prime sostenibili e rinnovabili a base vegetale.
Ad una prima parte formativa, con interventi tecnici a cura delle enologhe NOMACORC, la Dott.ssa Elsa Martelli e la Dott.ssa Ada Ciarla verranno affrontati i temi legati alla gestione dell’ossigeno in bottiglia e alla sostenibilità che guida le prospettive di sviluppo di questo settore, seguirà una degustazione guidata, correlata di schede, in cui i partecipanti potranno testare campioni di vino chiusi con diversi tappi e capire come il processo di ossigenazione in bottiglia sia influenzato dalla chiusura utilizzata.
Poi ampio spazio per scambio di pensieri e brindisi collettivo.

 

Tappi 2 marzo